home contatti e serate classifica link pachanga dj bio interviste libri

Intervista a Miguel "Angā" Diaz
conga

Pachanga miguel anga diaz
Angā, io ti ho visto suonare la prima volta a metā degli anni '80 con un gruppo che si chiamava Opus 13 e un amico mio che era presente, Roberto Evangelisti, mi disse: "Ricordati di questo conguero, vedrai che con il tempo entrerā nella storia universale della percussione afro-cubana"... sembra che il mio amico non si sbagliava, tu sei oggi giā riconosciuto mondialmente come uno dei percussionisti cubani della nuova generazione che fa giā scuola come giā altri fecero in altre epoche. Quali sono state le tue esperienze musicali?

Angā
Bene, ho cominciato a suonare proprio con Opus 13, con questo gruppo sono stato 10 anni ed effettivamente mi hadato la possibilitā di farmi conoscere in giro. Dopo sono passato a Irakere dove sono stato altri 8 anni... adesso sono free-lance, sto lavorando in questo momento con Roy Hargrove e Steve Coleman, ci sono progetti musicali in corso, ma preferisco non anticipare nulla...

Pasaporte - Tata Guines con AngaPachanga
Molta gente ti conosce per il disco realizzato a Cuba con l'Egrem "Pasaporte" che hai fatto insieme con Tata Guines, era tuo il progetto?

Angā
Si, quello é stato un progetto mio. Ho voluto fare un disco insieme con la persona che é il mio Maestro. Tata Guines é stato quello che mi ha tracciato la guida, che mi ha dato direzione. E' stato un onore aver potuto fare un disco insieme con Tata, e sono anche molto contento del buon esito che ha avuto con il pubblico.

Pachanga
Siamo qui a Umbria Jazz dove tu suoni in un'orchestra dal nome "Crisol" composta da tutte stelle del Jazz nordamericane, portoricane e cubane, di chi é l'idea di questa orchestra, di Chucho Valdes?

Angā crisol
Certo Chucho ha un ruolo importante in questa idea, perō l'idea iniziale é nata l'anno scorso all'Avana durante il Festival Jazz Plaza, quando venne Roy Hargrove a Febbraio si fece una grande descarga alla Casa della Musica, parteciparono tanti talenti del Jazz... poi Roy mi ha invitato a fare una tournée, prima in Europa in septeto e dopo negli Usa dove invitō anche Chucho Valdes, era una Big band... e cosė suonando in queste tournée a Roy venne l'idea di formare un'orchestra di tutte stelle di Cuba, Portorico e Stati Uniti... si scelse come posto per la fondazione Orvieto in Italia, siamo venuti a dicembre, abbiamo fatto prove, abbiamo suonato e anche si č registrato il disco "Crisol".

Pachanga
Viaggiando negli Usa come ha reagito il pubblico americano?

Angā
Abbiamo fatto tanti concerti, da Los Angeles a New York ed é stato tutto molto bello. Credo che c'era molto interesse nel vedere proprio noi cubani, é molto positivo che in questo momento si stanno un po' aprendo le porte d'ingresso negli Usa per i musicisti cubani. A New York nello stesso Hotel ci siamo trovati allo stesso tempo in tre gruppi provenienti da Cuba, noi, Issac Delgado e Irakere, é stato molto bello tutto questo...

Mario BauzāPachanga Machito
Parlando di musica, Irakere č stato un grande fenomeno per la musica cubana, riuscė anche a vincere un Grammy alla fine degli anni '80 anche se poi non gli diedero negli Usa il visto d'ingresso per poterlo ritirare... che cosa si deve a Irakere, a Chucho valdes, nel senso del genere Jazz latino? Considerando che non é molto chiaro nella storia l'importanza che hanno avuto i musicisti cubani nel Jazz, a partire da Mario Bauzā, Machito...

Angā
Si, prima ci sono i creatori, con Mario Bauzā, Chano Pozo, Dizzie Gillespie, perō credo che la fusion del JazzChucho Valdes y Irakere Chano Pozo Latino nella sua massima espressione di forma e di stile é Irakere. nella realtā Irakere é stato l'esperienza che ha dato la forma attuale e contemporanea a questo genere musicale, da quel punto di partenza son venuti tutti gli altri. Credo che Chucho Valdes č il creatore di questo secolo e di quello che sta entrando di quello che si chiama Latin Jazz.

Pachanga
Che gli manca quindi alla musica cubana per poter sfondare a livello mondiale cosė come aveva giā sfondato in epoca passata?

Angā
Principalmente promozione, perché la musica di per se é completa. Guarda con la poca promozione che ha nel mercato internazionale come sta funzionando bene, , neanche noi ci potevamo immaginare tutto questo interesse da parte del pubblico in generale. Guarda come si sta diffondendo rapidamente. E' una musica che non la lasciavano entrare negli Stati Uniti, é stata troppo tempo bloccata. Questo successo ha provocato anche che a Cuba tutti i musicisti si sono messi a elaborare e guarda il boom che ha la nuova Salsa cubana all'estero...

Pachanga
Bene Angā, che pensi tu di questa salsa che alcuni chiamano Timba, parlando di Charanga Habanera, Manolin "El Medico de la salsa", Paulito FG, Issac Delgado, NG La Banda...?

Angā
A me m'incanta come si sta facendo la musica, tutto m'incanta, come suonano i metalli, come suonano la percussione, tutto tutto... io credo che bisogna continuare cosė, perché č la musica che sta colpendo adesso, sta arrivando in qualsiasi paese del mondo... e uno dei paesi, delle cittā che io credo sia la cittā mondiale della Salsa, č Parigi. Annualmente passano li tutte le orchestre cubane, una dietro l'altra. La gente li si é ormai identificata con i ritmi e i balli attuali di Cuba.

Pachanga
A Parigi ci vive da vari anni un musicista cubano che arrivō li da New York e che sta lavorando bene facendo conoscere maggiormente in Europa la tradizione Son...

Angā
Il pianista Alfredo Rodriguez, io lavoro molto insieme a lui.

Pachanga
Angā, quali sono altri progetti musicali in cui stai lavorando?

Cubanismo con Alfredo RodriguezAngā
Bene, ho fatto il primo disco di Cubanismo, giā si é registrato il secondo che sta uscendo. Ho fatto un discoFrank Emilio y sus amigos con Frank Emilio che si chiama "I nuovi amici di Frank Emilio", é un disco con i temi di Frank suonati da musicisti della scena contemporanea cubana. Partecipano Changuito, Carlos del Puerto Jr, Maraca, Frank, io e Lazaga. Quello č stato un lavoro incredibile, é venuto molto bene, lo abbiamo fatto al Festival jazz all'Avana, sembrava che era un gruppo nuovo...

Pachanga
Angā quando io vivevo a NY e suonavo Salsa, ho conosciuto li un conguero cubano, Daniel Ponce, che lavorava molto bene diffondendo il folclore cubano, che pensi di lui?

Angā
Daniel ha fatto un lavoro molto importante, quelli erano gli anni '80, a quell'epoca perō sarebbero potuti andare anche Los Muņequitos de Matanzas, Afro-Cuba de Matanzas, perché questi spingono, lavorano per fare in modo che la musica folclorica si mantenga, č un lavoro che ha molto valore.

Pachanga
E tu sei contento con il lavoro che stai facendo adesso nel Jazz con i nordamericani? Roy Hargrove

Angā
Si certo che sono contento. Questi musicisti come Roy Hargrove, Steve Coleman, si sono accorti che la musica cubana é molto ricca e che puō dare molto, é quello che stanno facendo.

Pachanga
Quindi Cuba ontinua ad essere il centro propulsore della percussione afro-antillana e della musica latina del Caribe?

Angā
Esattamente!

Pachanga
Angā, qui nel Festival c'é anche Paquito D'Rivera, un altro grande musicista cubano, cosa mi dici di lui?

Angā
Che con Paquito tutto a posto, musica e musica, ho fatto alcuni lavoro con lui, abbiamo fatto 2 concerti a Parigi, uno all'universitā della musica e l'altro al New Morning. Ogni volta che ci si incontra si sta bene insieme, perō niente politica con lui, soltanto musica.

Pachanga Anga con Pachanga
Bueno Angā a momenti devi uscire a suonare, grazie per l'intervista, ti auguro molto successo...

Angā
Grazie a te, per me č stato un piacere.


Perugia 20/7/1997






Alina, Danilo Perez, Angā, Pachanga
Copyright
descargacubana.com

home contatti e serate classifica link pachanga dj bio interviste libri


Percussione Cubana: Anga