home contatti e serate classifica link pachanga dj bio interviste libri
Eddie Palmieri: El Rumbero del Piano
Eddie Palmieri
El Rumbero del Piano
Eddie Palmieri: rosas para ti

Eddie Palmieri
vamonos pa'l montela perfectala malangaEddie Palmierila malangael montunero del pianosalsa a new york: eddie palmieri

Milano 17/7/2003

Festival Latinoamericando

Eddie palmieri: El molestosoNella cornice del Festival latinoamericando a Milano, ho assistito al concerto di Eddie Palmieri, uno dei padri, seLa perfecta non il padre, della Salsa nella scena di New York. Responsabile di quel particolare suono della salsa fatta con tromboni, all'epoca del jazzista Barry Rogers, un caposcuola nello strumento a New York, che contribuì con la sua partecipazione alla "Perfecta" (la storica orchestra di Salsa di Palmieri) a quel suono di "Salsa con trombone" a cui é appunto assimilata la Salsa di New York. La Perfecta, l'orchestra che ha segnato la storia della Salsa fin dall'inizio degli anni '60, l'orchestra dove ci sono passati tanti, da Cheo Feliciano ad Andy Gonzalez e Manny Oquendo (futuri fondatori del Conjunto Libre), da Jimmy Bosh (che fu allievo dello stesso Barry Rogers) a Giovanni Hidalgo Llego la india"Mañequito" alla conga, da David Sanchez (il sassofonista Portoricano adesso uno dei protagonisti della scena jazzistica di New York) a Lalo Rodriguez (che poi staccandosi da Palmieri divenne il cantante della Salsa Romantica) alla "India" lanciata da Palmieri stesso nel '92 con il disco "Llegò la India".

Palmieri dopo una fase in cui si é dedicato maggiormente al Jazz, soprattutto negli anni '90, é tornato ad incidereMasterpiece obra maestra Salsa nel disco "Masterpiece-Obra Mestra" del 2000, l'ottima produzione realizzata insieme a Tito Puente, l'ultimo lavoro discografico del Rey del Timbal prima della sua scomparsa, che vede riuniti un'insieme di ospiti fra cui Oscar D'Leon. Poi é Eddie Palmieri: La Perfecta 2seguito "La Perfecta II" del 2002, dove vengono recuperati una serie di temi, che La Perfecta, quella originale, aveva resi famosi, riarrangiati e risuonati nello spirito originario, ovviamente con una nuova orchestra, appunto "La Perfecta II", alternati da altri temi di Latin Jazz. Poi recentemente é uscito "Ritmo Caliente" un disco che non ho ancora ascoltato, ma che preannuncia essere anche questo un mix fra pezzi di Salsa e di Latin Jazz.

Prima del concerto lo abbiamo incontrato in una specie di conferenza stampa, nel back stage del palco del Latinoamericando, dove a causa del tempo ristretto non ha potuto rispondere a molte domande. In sostanza, rispondendo a una domanda di Silvana La Flaca per la rivista "il Salserito" ha dato una spiegazione sul Latin Jazz "che nasce a New York, quando Dizzie Gillespie nel 1947 decide di inserire la conga nel suo gruppo, con il musicista rumbero Chano Pozo proveniente dall'Avana, sponsorizzato da Mario Bauzà".

Eddie Palmieri: Ritmo calientePoi su domanda di Pepe Bassan ha spiegato le caratteristiche del suo ultimo disco, "che é di Salsa, Latin Jazz e Jazz Waltz, e perfino un pezzo di Bach, uno dei miei primi approcci al piano, quando cominciai a studiare all'età di 11 anni, un pezzo fatto a Jazz, suonato anche con i Batà", e sul motivo di questo ritorno a incidere Salsa, la stessa celebrazione della "Perfecta" con la "Perfecta II", in sostanza risponde che lo ha fatto principalmente per rendere tributo a 2 grandi musicisti (il Nordamericano Barry Rogers e il Brasiliano José Rodrigues) i 2 trombonisti definiti da lui "geni" ormai scomparsi, "un omaggio al suono che erano capaci di dare alla Perfecta, non certo al loro modo di suonare, che é unico ed irripetibile" poi proseguendo nel discorso fa riferimento a Cuba e dice che "se la salsa dura da almeno 43 anni a New York, é perché evidentemente c'è qualcosa, é cultura che abbiamo conosciuto da Cuba da prima del 1960 (anno del suo primo disco a NY ndr). Dopo del 1960 Cuba ha seguito una tendenza Jazz, Cuba é unica, sia per i suoi tambores e il modo di suonarli, che per la sua musica in generale. La cultura che ci trasmettevano queste orchestre cubane prima del 1960, é quello da cui ho imparato io. Arsenio Rodriguez, Chappotin, El Conjunto Casino, sono quelli che ci hanno trasmesso a noi una cultura irripetibile, un certo modo di suonare los tambores, lo stesso arrangiamento orchestrale unico e originale, cultura che all'epoca ha eccitato chiunque, non solo me, e mi sento sinceramente fedele a questa cultura". Poi sono riuscito a fargli una domanda io:

Eddie palmieri: El rumbero del pianoPachangaEddie palmieri: vortex
Eddie, tu sei considerato il padre della Salsa a New York, hai cominciato dal '60. Cosa ci puoi dire sulla scena della musica afrocarbeña? Tu stesso dopo un lungo periodo di Latin Jazz nei '90, sei tornato ad incidere Salsa, c'é quindi qualcosa di buono e di nuovo che si sta muovendo?

Eddie Palmieri
Bene, tutto é cominciato come afro-cubano, poi dopo nei '60 é cominciata anche l'influenza afro-caribeña perché fu il Portoricano che prese e adottò quella struttura musicale, adesso possiamo dire che é afro-mondiale... Però la Salsa in generale, quella che si fa adesso, é diversa da quella che facevamo noi, o che veniva da Cuba prim'ancora, questo che in questi anni hanno chiamato Salsa Sensual, Salsa Erotica... é una musica molto diversa, non ha l'attenzione, la forza e la resistenza della musica Salsa di prima, gliel'hanno proprio tolta... ("Salsa Boba" ndr) la stessa dinamica musicale della Salsa non da più quel particolare tipo di eccitazione coinvolgente per il bailador come era la musica Salsa di prima, la sua struttura ritmica, il modo di suonarla..."

A questo punto la conferenza stampa s'interrompeva improvvisamente e Palmieri stesso si scusava con me, avrebbe voluto continuare l'intervista ma non glielo hanno permesso per i tempi stringenti. Avrei voluto chiedergli qualcosa di più sul trombone, su dove si sia ispirato lui nel suonare la Salsa con i tromboni all'inizio, ma non c'era tempo... Sarà per una prossima occasione!

E cominciava subito il concerto, una lunga introduzione in solo del Maestro al Pianoforte a coda, un'atmosfera Latin Jazz con richiami a varie melodie del Caribe. Poi entra l'orchestra, un trombone e una tromba in sezione, basso, conga, timbal e Johnny Rodriguez al bongò, ma soprattutto guiro, campana e coro. In prima Linea, oltre allo stesso Palmieri nel frattempo accomodatosi a un piano elettronico Roland, una flautista e Herman Oliveira, uno dei cantanti storici della salsa di New York, sia di Palmieri che del Conjunto Libre, del film di Cachao (Cachao, como mi ritmo no hay dos), di Jimmy Bosh, di molte produzioni di Salsa, quella vera.

Eddie palmieri: Vamonos pal monteL'orchestra comincia con "Tu tu ta ta" inserito nel disco "La perfecta II", che Palmieri introduce dicendo che fu la sua prima registrazione con La Perfecta. Poi alcuni standard del suo repertorio fra cui anche 3 Chachacha, poi "Vamonos pa'l monte" e durante il concerto Palmieri ci annuncia di aver appena ricevuto da NY la notizia della scomparsa di Celia Cruz, a cui gli ha dedicato subito "La vida es un Carnaval". Il concerto é stato bello, anche se non c'era il pubblico delle grandi occasioni, molti latini, pochi Italiani. Io penso che non ci si stanca mai di vedere Eddie Palmieri dal vivo, in questo concerto purtroppo ho notato mancanze, senz'altro dovute a questioni di mercato, per cui é difficile portare in Europa un'orchestra al completo. Ci si sarebbe aspettato da Eddie Palmieri una sezione fiati più completa (tromboni e trombe), ma evidentemente si sconta la difficoltà della salsa a girare internazionalmente, anche perché é una musica che per suonarla propriamente e a tutti gli effetti implica almeno 12/13 persone nell'orchestra, cosa non sempre possibile per i costi delle tournée, con Palmieri erano in 9 a suonare. A un certo punto é salito sul palco a cantare anche "Watussi", il celebre cantante Salsero Venezuelano della scena di New York, che però da alcuni anni vive stabilmente a Milano

Ma Palmieri é sempre Palmieri, e ce n'é uno solo, il suo piano una costellazione di note bianche e nere inquadrate in una ritmica che é sempre da metronomo svizzero, nessuna sbavatura, un piano che da solo fa metà del ritmo dell'orchestra intera, un treno in corsa. Alla Conga e al basso rispettivamente un ottimo Jorge Delgado e Joe Santiago, nell'insieme una serata molto piacevole, di Salsa, quella buona che raramente si vede in giro per i nostri locali latini sparsi per la penisola.


Copyright 2003 by Paolo "Pachanga"

Tutti i diritti sono riservati



Selezione Discografia Eddie Palmieri aggiornata al 13/1/2006
LISTEN HERE! - Concord Records

RITMO CALIENTE - Concord Records

LA PERFECTA II - Concord Records

MASTERPIECE/OBRA MAESTRA* - RMM Records

EL RUMBERO DEL PIANO + - RMM Records

VORTEX -TropiJazz

ARETE+ - TropiJazz

PALMAS+ - Elektra/Nonesuch

LLEGO LA INDIA VIA EDDIE PALMIERI - Soho Sounds

SUEÑO+ - Intuition

LA VERDAD* - Sonido Inc

SOLITO* - Musica Latina

PALO PA' RUMBA* - Musica Latina

EDDIE PALMIERI+ - Barbaro

LUCUMI MACUMBA VOODOO+ - Epic

UNFINISHED MASTERPIECE* - Coco

THE SUN OF LATIN MUSIC* - Coco

LIVE AT THE UNIVERSITY OF PUERTO RICO - Coco

SENTIDO - Coco

LIVE AT SING SING (vol 2) - Tico

LIVE AT SING SING (vol 1) - Tico

HARLEM RIVER DRIVE - Roulette

VAMONOS PA'L MONTE - Tico

SUPERIMPOSITION - Tico

JUSTICIA - Tico

CHAMPAGNE - Tico

PALMIERI & TJADER: BAMBOLEATE - Tico

MOLASSES - Tico

PALMIERI & TJADER: EL SONIDO NUEVO - Verve

MAMBO CON CONGA IS MOZAMBIQUE -Tico

AZUCAR PA' TI - Tico

ECHANDO PA'LANTE - Tico

LO QUE TRIAGO ES SABROSO - Alegre

EL MOLESTOSO - Alegre

LA PERFECTA - Alegre

Note:

+ Grammy nomination

* Grammy Award winner

home contatti e serate classifica link pachanga dj bio interviste libri


Descarga Cubana: Eddie Palmieri