home contatti e serate classifica link pachanga dj bio interviste libri

Elio "Kiko" Orovio
Helio "Kiko" OrovioVoglio ricordare qui la figura di Helio Orovio, un artista, intellettuale e musicologo cubano scomparso lo scorso ottobre all'Avana. Fu da giovane un musicista ma era conosciuto in tutto il mondo come la memoria vivente della musica cubana. Fra le altre sue opere, il "Diccionario de la musica cubana", un dizionario che ci racconta e documenta secoli di musica cubana.
Lo l'avevo conosciuto negli anni '90
... era da tempo che avrei voluto conoscerlo proprio a causa del suo dizionario, un opera che ha restituito al mondo un'immagine abbastanza completa della musica cubana e dei suoi storici artefici e che allo stesso tempo ci rivelava un autore molto documentato sull'argomento, per me un'occasione per conoscere uno stimato intellettuale cubano, un musicista-musicologo da cui avrei potuto *abbeverarmi* alla fonte su tutti gli argomenti a me cari. In realtà poi l'incontro era originato dall'esigenza di verificare un'eventuale disponibilità dell'autore a consentire una traduzione e pubblicazione in Italia del suo dizionario, nonché di altre sue opere sull'argomento musicale, progetto poi caduto per diversi motivi.
Normalmente per queste cose si fissano degli appuntamenti ufficiali, ma Helio era un viveur, da anni lo potevi incontrare al mercoledì alla "Peña del Ambia" all'UNEAC (Unione degli scrittori e artisti cubani) all'Avana, un appuntamento pomeridiano-serale al mercoledì dove si alternavano una volta gruppi di Son, un'altra gruppi di Rumba.
Mi dissero a Cuba: se vuoi conoscere Helio Orovio vai all'Uneac di mercoledì, sicuramente lo trovi"...
Un mercoledì pomeriggio tardi, negli anni 90, mi decisi e andai e li in mezzo al pubblico, durante un concerto di Son mi presentarono "Kiko", ovvero il maestro Helio Orovio. Fu un'emozione, tra l'altro per me lui era *personaggio* perché anni prima ascoltando una canzone di NG La Banda (il mio gruppo preferito della musica ballabile dei primi anni 90), Tony Calà lo nominava in un pregon e fin da quel tempo cominciai a chiedermi (e a chiedere in giro a Cuba) chi fosse Helio Orovio...
Aveva un carattere simpatico e contagioso, gli potevi fare qualsiasi domanda su qualsiasi cosa riguardante la musica cubana e sempre aveva una risposta pronta, sapeva tutto! In quell'incontro scambiammo qualche opinione su alcune questioni musicali e poi venendo al sodo mi presentò uno dei proprietari della Tumi Music di Londra, che deteneva i diritti di sfruttamento del suo Dizionario...
Lui era una memoria vivente della storia della musica cubana, certo alcune cose sono pubblicate nel suo dizionario e in altri suoi libri, ma credo che con lui scompare tutto un sapere unico e irripetibile, era un computer vivente sull'argomento. Inoltre scompare una figura che tanto ha fatto, anche a livello informale, per divulgare al mondo questa sua conoscenza, in tanti andavano all'Avana a incontrarlo per confrontarsi e conoscere tanti aspetti della musica e dei musicisti, veniva invitato all'estero per questa sua attività divulgativa, sia in America Latina che in Europa.
Dopo quell'occasione non ho avuto più modo di rincontrarlo, e la notizia della sua scomparsa l'ottobre scorso mi ha profondamente rattristato. Uno si dispiace intensamente quando scompare una persona conosciuta in vita, ma il dispiacere è doppio perché so che con lui scompare tutto un *sapere vivo* che non basterebbero tanti dizionari per descriverlo, era una fonte viva,  forse perché ex musicista (da giovane aveva militato in diversi gruppi e una volta alla fine degli anni 50 gli toccò sostituire Tata Guines alla percussione dei "Los Jovenes del Cayo"), forse perché amava così tanto e in profondo il suo paese e la sua cultura musicale, forse perché semplicemente studioso, ma  *studioso vivo*, confrontando le esperienze e non solo studiando sui libri, lui i libri li scriveva...  infine un poeta.
Una curiosità per i salsomani, negli Usa fu citato a giudizio come perito in una causa intentata da Eddie Palmieri contro Gloria Estefan,  a proposito della paternità di quel verso "oye mi canto" in una canzone di Palmieri (Paginas de mujer) antecedente alla canzone "Oye mi canto" della Estefan. In pratica Helio arrivò a testimoniare alla Corte di Miami con qualche decina di nastri dell'archivio della radio cubana, che testimoniavano come quel verso musicale era presente nella musica cubana da decenni, e quindi  sia Palmieri che la Estefan, non ne potevano essere considerati autori...  la fonte di quella musica era a Cuba, e Orovio in quel caso, da perito, ne fu testimone ufficiale.
Bueno Kiko, descanza en paz.

Bibliografia incompleta di Helio Orovio
Helio Orovio come poeta ha pubblicato:
Este amor, 1964
Contra la luna, 1970
El huracan y la palma, 1980
Antologia de la poesia brasileña, 1990
La cuerda entre los dedos, 1991

Come musicologo:
Musica por el Caribe, 1990
300 boleros de oro, 1991
Diccionario de la musica cubana, 1992
El bolero latino, 1995
Fiesta Habana, 2000
Ritmo cubano, 2001
Musicos de Cuba, 2002
Daniel Santos en La Habana

Monografie:
La Rumba
El carnaval habanero, 2005
Breve historia de la música cubana

Come scrittore:
Las dos mitades de Calvino, 2000



Helio Orovio