home contatti e serate classifica links pachanga dj bio interviste libri
LOS SEÑORES DELLA "SALSA"
SONNY BRAVOSonny Bravo - Ese animal soy yo
Pianista, direttore d'orchestra, compositore, arrangiatore, Maestro educatore

Nato a New York da famiglia di ascendenza cubana e cresciuto a Miami fino all'età di 20 anni. Sonny Bravo é figlio d'arte, suo padre Santiago "Elio" Osacar era il leggendario bassista fondatore del Cuarteto Caney. A Miami inizia a suonare con un gruppo locale "Casino de Miami", poi con il "Conjunto Caney", poi con Mandy Campo (fratello del più famoso Pupy Campo), poi entra nell'orchestra di "José Fajardo y sus Estrellas" il leggendario flautista cubano delle Charangas. Successivamente si trasferisce nella città nativa NewPianoforte latino York dove suona con diversi artisti fra i quali Willie Bobo, Vicentico Valdes, Ray Barretto, Bobby Valentin e altri... Nel 1972 é fondatore della "Tipica 73" una delle orchestre di Salsa fra le più riconosciute nella scena di New York, di cui é Direttore musicale. Allo scioglimento della Tipica 73 dovuta al boicottaggio commerciale per essere stata a suonare anche a Cuba... torna a suonare con diversi artisti, fra cui il "Conjunto Clasico" e il gruppo di Tito Allen, fino ad approdare definitivamente al Latin Jazz Ensemble di Tito Puente, con cui rimane stabilmente fino alla scomparsa del grande artista del Mambo.
Durante la sua carriera ha collaborato con numerosi altri artisti, suonando registrando e arrangiando, sia nel campo della Salsa che in altri generi musicali come Machito, Rafael Cortijo, Tito Rodriguez, La Lupe, Ruben Blades, Willie Colon, Celia Cruz, Johnny Pacheco, Mongo Santamaria, Eddie Palmieri, Kako, Mario Bauzà, Andy Gonzalez, Raul Marrero, George Benson, Lionel Hampton, Bill Cosby ed altri.
Il Maestro Sonny Bravo é titolare della cattedra di Pianoforte all' "Harbor Conservatory for the Performing Arts" di New York.

PianoforteOttava sul pianofortenote musicali sul pianofortepianoforte a codapianoforte a mezza codaSon Montuno"Ese animal soy yo"


Intervista a Sonny Bravo
Pachanga
Tu sei uno dei pianisti di quelli buoni, fai parte della storia dell'epoca d'oro della Salsa a New York, tra l'altro sei uno dei fondatori di quel gruppo di Salsa che é rimasto nel cuore di ogni salsero nel mondo, la Tipica 73. Mentre parliamo nel backstage, sul palco si stanno esibendo 2 grandi del piano come Michel Camilo e Chucho Valdes e le note arrivano fin qui, che cosa provi?

Sonny Bravo
Una grande emozione, questo é il massimo del pianoforte latino...

Pachanga
Parlando in generale, che pensi rispetto alla musica latina, ha la possibilità di sfondare anche qui in Europa?

Sonny Bravo
Le possibilità sono molto buone adesso, soprattutto per la musica cubana.

Pachanga
Tu sei d'origine cubana?

Sonny Bravo
Yo sono nato a New York, però la mia famiglia era cubana, esattamente i miei nonni.

Pachanga
Questa é una notizia Sonny, molti salseri hanno sempre pensato che tu fossi di ceppo Boricua...

Sonny Bravo
No, no, cubano al livello dei nonni

Pachanga
Tu vivi a Miami?

Sonny Bravo
No, sono cresciuto a Miami, poi già da grande ritornai a New York dove ero nato.

Pachanga
Come hai cominciato con il Pianoforte, quali sono state le tue fonti d'ispirazione?

Cuarteto Caney con MachitoSonny Bravo
Mio padre suonava il Basso, era un musicista del famoso "Cuarteto Caney" (n.d.r. dove cantava anche Machito), si chiamava Elio Osacar, questo é il mio vero cognome, Sonny Bravo é un nome artistico, Bravo era comunque il cognome di una mia nonna. Crescendo a Miami ascoltavo musica di Cuba,Conjunto Caney Lino Frias con la Sonora Matancera, Lilì Martinez, Jesus Lopez, Peruchin... tutti questi pianisti si ascoltavano alla Radio di Miami come se fossimo a Cuba, ed essendo anche mio padre un musicista, mi sono formato più o meno in quell'ambiente. Ai 20 anni cominciai a suonare con un gruppo che si chiamava "Casino de Miami", si suonava nelle sale da ballo e dopo che mio padre morì, cominciai a suonare a Miami con il suo stesso gruppo che era già un Conjunto, el Conjunto Caney. Poi cominciai a girare, si andava ad Aruba, Portorico, era con l'orchestra di Mandy Campo, il fratello del piùJosé Fajardo y sus Estrellas famoso Pupy Campo che aveva un'orchestra negli anni '40/'50... Poi cominciai a suonare con José Fajardo a Miami e insieme ci trasferimmo a New York. Arrivando li cominciai a suonare con tanti Tipica 73gruppi, anche con Tito Puente. A un certo punto fondammo la "Tipica 73", c'erano 5 musicisti che arrivavano dall'orchestra di Ray Barretto, un paio venivano da quella di Larry Harlow, poi c'ero io e Leopoldo Pineda che suonavamo con Fajardo, si formò così la Tipica 73.

Pachanga
Gia che stiamo parlando della salsa quella buona... la Tipica 73 é stata a suonare anche a Cuba negli anni '70, cantava Luis Alberto "El Canario", tu c'eri vero?

Sonny Bravo
Si certo, c'ero anch'io con l'orchestra e si registrò anche un disco...


Pachanga"Intercambio cultural" - "Tipica 73 en Cuba"
Quel disco "Intercambio cultural" é uno dei dischi più belli della Salsa... per te era la prima volta che andavi a Cuba?

Sonny Bravo
Io c'ero gia stato molti anni prima, per turismo, quando ero un ragazzo. Con la musica era il mio primo viaggio... Si un disco molto bello, un vero e proprio intercambio culturale, nel disco suonano con noi Changuito, Tata Guines, Richard Egues, El Niño Rivera, Chappottin...

Pachanga
Che anno era?

Sonny Bravo
Fu in novembre del '78.

Pachanga
Dopo andò a Cuba anche la Fania All Stars vero?

Sonny Bravo
Si, l'anno dopo, e anche loro registrarono li un disco "Habana jam"... però a quell'epoca noi e anche "Apollo Sound" di Roberto Roena a Portorico, eravamo le uniche orchestre che stavamo registrando musica da Cuba... nella normalità si viaggiava a Venezuela, Panama...

Pachanga
In questo senso, dovuto alle difficoltà che c'erano per motivi più grandi della musica, esattamente la politica, questo interesse per la musica cubana e viaggiare a Cuba in un epoca quando le relazioni fra Cuba e stati Uniti erano molto critiche, ti ha causato qualche problema ritornando negli Stati Uniti? La domanda la faccio perché quando io suonavo il piano con Yomo Toro a New York, lui mi disse che non se la sentì di andare a Cuba con la Fania All Stars in quell'occasione che si fece li il disco "Habana Jam", per il motivo che temeva possibili conseguenze ritornando a casa...

Sonny Bravo
Si, fu proprio così... il viaggio a Cuba distrusse l'orchestra... perché al ritorno tanto per dirne una, mai più fummo ingaggiati per suonare a Miami, lo stesso successe in New Jersey dove c'é una comunità cubana abbastanza forte... ti puoi immaginare che la Tipica suonava musica cubana, nell'orchestra c'era anche qualche musicista cubano, come Orestes Vilatò e più avanti alfredo De La Fé... non suonavamo come gli altri a New York, tutto quello che facevamo era cubano e chiudendoci quel circuito a poco a poco non si suonava più da nessuna parte e si decise di sciogliere l'orchestra...

Pachanga
Incredibile... e che hai fatto per lavorare con il Piano?

Sonny Bravo
Dopo la Tipica andai al "Conjunto Clasico" per circa otto mesi, dopo lavorai un po' con Tito Allen che era stato in passato uno dei cantanti della Tipica 73, dopo mi chiamò Tito Puente per una tournée di due settimane perché Jorge Dalto (n.d.r. Jorge Dalto era il pianista ufficiale di Tito Puente) era occupato altrove, poi passò un'epoca anche senza lavorare... poi quando Jorge Dalto scomparse, entrai a far parte stabilmente dell'orchestra di Tito Puente, dove io avevo gia lavorato varie volte in passato anche perché Jorge Dalto aveva anche un gruppo suo e non sempre era presente con Tito.
Mambo Kings

Pachanga

Bene, siccome Tito Puente é un grande e fa le cose in grande, adesso stai facendo anche l'attore nel cinema a Hollywood?
Radio Days
Sonny Bravo
Si, effettivamente abbiamo partecipato in diversi films... Mambo Kings, Radio days di Woody Allen, un'altra che si chiama "Armed and dangerous" con John Candy...




Pachanga

Adesso che le frontiere fra Cuba e Stati uniti sembrano un po' più aperte, per lo meno per gli scambi culturali e quindi la musica, che pensi Sonny di questa nuova generazione di musicisti cubani che per la prima volta arriva negli Stati Uniti, ad esempio i Van Van, Irakere... come può essere la risposta del pubblico latino a New York? Questa é una musica cubana che é molto evoluta e diversa da quella che si conosceva dei vecchi tempi...

Sonny Bravo
Li i latini devono educarsi e abituarsi a questa musica perché a New York sono abituati alla Salsa di Tito Nieves, di Portorico, la Salsa Romantica, Tony Vega, lo stesso Canario...

Pachanga
E tu la pensi come Tito Puente che la "salsa" é un condimento, una cosa da mangiare e non un genere musicale?

Sonny Bravo
Si, noi continuiamo a suonare la stessa musica di sempre, il Cha-cha-chà, Bolero, Guaguanco, Guaracha... quando io iniziai a suonare questa musica, non esisteva la parola "salsa"...

Pachanga
Bene Sonny, che futuro può avere questa musica negli Stati Uniti e nel mondo intero?

Sonny Bravo
Nel mondo intero un molto buon futuro. Noi viaggiamo in tutto il mondo, adesso é un mese che siamo in tournée, suoniamo questa musica in tutti i Festival di Jazz, non sono Festival di Latin, ma di Jazz... però quando la gentre sa che c'è Tito Puente, sa che ci sarà un po' di Latin Jazz, un po' di "Salsa", un po' delle nostre cose di latini... ci incontriamo molto con i Cubani, con Gonzalo Rubalcaba che é un mio idolo, con Chucho Valdes che é il massimo... mi fa piacere che adesso loro stiano viaggiando anche verso gli Stati Uniti...

Pachanga
Quindi se la musica latina sta circolando nei principali Festival di Jazz di tutto il mondo, vuole dire che già si é guadagnata una posizione di primo piano, non é una musica inferiore?

Sonny Bravo
Esattamente! Tito Puente festeggia quest'anno 50 anni di Direzione d'orchestra, ed é oggi più popolare che mai.

Pachanga
Bene Sonny, grazie per l'intervista, i salseri sanno che abbiamo parlato con un pianista dallo stile unico come ci sono pochi, di quelli che sono parte importante della storia della "Salsa" negli Stati Uniti. E' possibile che quest'intervista si mandi anche per radio, vuoi mandare un saluto a tutti i salseri italiani e di tutto il mondo?

Sonny Bravo
Certo, come no. Un saluto cordiale a tutti i salseri e a tutti gli amanti della musica BUONA... sia Latin Jazz, sia "Salsa" che é come si chiama la musica cubana e afro-cubana. Un saluto molto forte per tutti e continuate ad ascoltare e a divertirvi con la musica!!!

Pachanga
Chevere, questo saluto ve lo manda Sonny Bravo, el Rey de las blancas y de las negras!!!

Perugia 20/7/1997



Copyright All rights reserved
descargacubana.com


DISCOGRAFIA DELLA TIPICA 73
Tipica 73
Tipica 73 (1973)
Tipica 73 2
Tipica 73 II (1974)

La Candela - Tipica 73
La Candela (1975)

Rumba Caliente
Rumba Caliente (1976)
The two sides of Tipica 73 - Los dos lados de la Tipica 73
The two sides
of Tipica 73 (1977)
Salsa Encendida
Salsa Encendida (1978)
Intercambio cultural Tipica 73 en Cuba
Intercambio cultural
Tipica 73 en Cuba (1979)
Charangueando con la Tipica 73
Charangueando
con la Tipica 73 (1980)

Into the 80's
Into the 80's (1981)
Dandy's Dandy A Latin Affair ...
Dandy's Dandy A Latin Affair ...

Questo é un disco con i musicisti della Tipica 73
uscito nel 1979 ma con il nome di Dandy's Dandy
Tipica 73 Live
Tipica 73 Live

Registrato a Portorico
(1999)
home contatti e serate classifica links pachanga dj bio interviste libri



Sonny Bravo e la Tipica 73