home contatti e serate classifica links pachanga dj bio interviste libri
Festival LATINOAMERICANDO di Milano
Yomo Toro
YOMO TORO
&
Frankie Morales Mambo Orchestra
...*Yomo Toro que bueno toca usted*...
de
Paolo "Pachanga" - foto de SLF
recension en español
Biografia Yomo Toro Biografia Frankie Morales
Pachanga al concerto di Yomo Toro e Frankie Morales
Bel concerto lo scorso 26/7/07 al Latinoamericando, Yomo Toro (per la prima volta in Italia) e Frankie Morales con un'Orchestra Mambo. Per me un'occasione speciale, quella di reincontrare dopo quasi 20 anni il musicista del Cuatro Puertorriqueño, per cui avevo fatto il pianista del suo Conjunto a New York, per un periodo fra l'87 e l'88, infine dulcis in fundo, proprio nel giorno del suo compleanno.
Al pomeriggio ero già con lui e i suoi musicisti a Milano e fra una conversazione e l'altra, ho avuto modo di fargli anche un'intervista.
Frankie Morales, Pachanga, Yomo ToroMa veniamo al concerto. Nel back stage prima dell'inizio, grazie anche alla collaborazione dello staff del Latinoamericando ho avuto modo di conoscere un po' più da vicino Frankie Morales, che con spirito molto allegro e loquace, raccontava il giorno che venne contrattato da Hector Lavoe, come suo corista, dipingendo un ritratto di vita del Barrio, per cui l'appuntamento per la prova fu in una famosa panetteria del Barrio (Spanish Harlem a NY), dove il cantante oggi tributato da un film e un disco di Marc Anthony,  si presentò in look *anonimo*, grossi occhiali scuri, cappello ecc ecc, per non farsi riconoscere dalla gente e poter così anche lui godere delle semplici cose della vita quotidiana, come frequentare la panetteria più famosa e frequentata del Barrio stesso, e infine gli viene presentato il ragazzo Frankie Morales allora appena quindicenne, e gli  dice: "Nene, fammi sentire come canti..." e Frankie comincia a fare coro e pregon del sonero, dopo le prime battute, sentendo una voce forte e intonata, gli disse al *nene*: "Para Paolo Pachanga e Yomo Toropara... a empezar de mañana ya tu tienes trabajo" (Ferma ferma, a cominciare da domani già hai un lavoro)... e infatti Hector Lavoe lo ingaggiò stabilmente come suo corista, e da allora a Frankie Morales gli rimase appiccicato quel "Nene" (ragazzo), nomignolo con cui è conosciuto a New York.
Poi una serie di altri aneddoti e con Yomo Toro anche alcuni spensierati ricordi dell'epoca in cui suonavamo insieme...
Ottimo a giudizio di Yomo Toro il servizio ristoro nel backstage, gli artisti mangiano qualcosa e si rinfrescano nell’attesa con bibite varie.

Si aspetta che l'orchestra venga chiamata in scena e finalmente, arriva l'ora del concerto.

I musicisti che stanno per entrare sul palco sono bravi, questa la formazione:
Cantante solista : Frankie Morales
Cuatro : Yomo Toro
Piano : Kevin Rodriguez
Basso: Jerry Madera
Congas : Eddie Montalvo
Timbales : Sergio "Chino" Ramos
Bongò e Campana : Ray Colon
Sax baritono : Carmen Laboy
Sax tenore : Al Acosta
Trombone : Orlando Peña (Direttore musicale Orchestra)
1° Tromba : Ray Vega
2°  Tromba :  Guido Gonzalez
Escono i musicisti sul palco senza il cantante e lo Special Guest, suonano un pezzo strumentale, un’introduzione Mambo per *scaldare i motori*... Suono forte e potente, Mambo "a toda velocidad" così come dal titolo dell’ultimo recente disco di Frankie Morales. Se si doveva capire *di che pasta sono fatti* il suono  rende l’idea, la serata promette bene.

Frankie MoralesIl secondo brano è "Gandinga", dall’ultimo disco di Frankie Morales, che sulle note di questo pezzo entra nella scena, e se la prende tutta la prima linea, con quella voce magari un po’ scura, ma forte, intensamente intonata e potente, ci fa capire da dove viene, la scuola oltre a quella del Barrio è anche quella del Mambo del Palladium, di cui lui come altri musicisti dell'orchestra ne sono indirettamente discendenti. Frankie oltre che con "La Voz", ha cantato nel tempo con Los Hermanos Lebron, con Tito Nieves, con Estrellas Cayman, cioé la Cobo, con Son Boricua... ma ha cantato anche con Machito, ed é stato il cantante degli ultimi anni della Big Band di Tito Puente, con cui ha anche inciso diversi dischi, prima di giungere a questa orchestra, la sua, con cui ha già all'attivo 2 dischi ("Mambo of the times" e "A toda velocidad" ).
Una voce in grado d'imporsi sul mambo dei fiati, diretti da un ottimo Orlando Peña, un trombonista portoricano di  stazza imponente,  capelli rasta, fa uscire anche quel suono da barrito d'elefante, tipico della scuola neworkina che fu di Barry Rogers (ricordate "La Perfecta" di Charlie e Eddie Palmieri?)

Frankie Morales Mambo Orchestra

Sezione fiati che con le due trombe e un Sax tenore, e sorpresa al Sax Baritono una donna, quella Carmen Baloy portoricana,  presente da almeno una ventina d'anni a New York nella duplice veste di insegnante di Musica in un Conservatorio e nella scena della Salsa suonata. Il Sax baritono, un importante e non secondario strumento, che caratterizza molto il Mambo della scuola Palladium. Una sezione così come ci vuole del resto in un’orchestra Mambo dove se sono bravi come in questo caso, è forte la pressione dei fiati così come il *treno* della percussione, guidato alle Eddie Montalvo e Ray ColonCongas da Eddie Montalvo (un nome una garanzia...), si proprio lui, quello della "Estrellas de Fania", che accompagnava di solito Ruben Blades, anche con i "Seis del Solar", l’ultima Orchestra del cantante panameño della Salsa a NY... un conguero  quindi con cui lo stesso Yomo Toro aveva suonato insieme all’epoca della Fania. Poi Ray Colon al Bongò e Campana, quello che suona abitualmente con i Mangual, ma anche il bongosero/campanaro di Marc Anthony. Alcuni di questi musicisti tra l’altro, finita questa tournée in Europa ne hanno subito un’altra proprio con Marc Anthony, a carattere mondiale, Yomo Toro mi diceva circa 25 date, per presentare il Film e il disco che lo stesso artista interpreta nel ruolo di Hector Lavoe, il cantante più amato nella comunità latina di ceppo Borica del Barrio salsero. Poi ai Timbales, un ragazzo giovane detto "El Chino", completava la sezione ritmica. Un poliedrico artista che a New York fa anche il modello e l'insegnante di ballo, di buona scuola musicale anche lui...
Yomo ToroAl 3° brano entra in scena Yomo Toro, nel caloroso abbraccio del pubblico che lo applaude e anche gli fa festa per essere li a 74 anni nel giorno del suo compleanno. La scena è tutta per lui, il faro lo illumina, impugna il Cuatro, lo strumento a corde tipico della tradizione di Portorico e suona una sonata strumentale che spero di non sbagliarmi, mi è parso di riconoscere in "Minerva", un brano che prende il titolo dal nome di sua moglie, a cui è evidentemente dedicato. Mi saluta anche pubblicamente annunciandomi come suo ex pianista a NY...
Forte per me l'emozione, mi ritrovavo dopo tanto tempo ad assistere a un concerto di Yomo Toro, e l'ultima volta che ci eravamo visti era viaggiando insieme fino al Festival di Musica del Caribe che si teneva tutti gli anni a Cartagena in Colombia, però io come pianista del suo Conjunto, in una memorabile serata  suonando sulle mura del castello di Cartagena, con una caliente platea di decine di migliaia di persone, in quella che a sorpresa sarebbe stata l'ultima serata a fianco del grande artista, a causa di problemi di visti per cui dovetti forzatamente interrompere la tournée...
Yomo Toro che nella Salsa è una leggenda, amato e stimato da tutta la comunità latina panamericana, è considerato la massima espressione di quella cultura musicale tradizionale a Portorico, ad esempio quella della Plena da cui proveniva, suonando in trio e quartetto, prima a Portorico da giovane, poi a NY, dove incursiona anche in altri generi ad esempio incidendo alcuni dischi con uno dei gruppi più conosciuti della canzone latinoamericana, "Los Panchos", prima di entrare nella "Salsa", cioé quando comincia a registrare con il Tres cubano con Larry Harlow (è suo il Tres in "Homenaje a Arsenio" di Larry Harlow) e con il "Tumbao" di Johnny Pacheco e introducendo il Cuatro nella "Salsa" stessa, il giorno in cui Willie Colon lo volle in sala di registrazione, aspettandolo con una chitarra elettrica, ma Yomo Toro, *testardo* si presentò proprio con il Cuatro (orgoglioso di portare con se il tipico strumento di Portorico, e con esso tutta la tradizione musicale di quel paese). Johnny Pacheco in quell'occasione vedendolo arrivare con  il Cuatro, stentava a credere che avrebbe poi effettivamente registrato con quello strumento *Jibaro* insieme con Willie Colon nel disco di canzoni dedicate al Natale "Asalto Navideño" che è risultato essere nel tempo uno fra i più venduti di tutta la produzione Fania, erano gli anni fra la fine dei '60 e l'inizio dei '70, successivamente Yomo Toro incide e suona anche con le "Estrellas de Fania" di cui ne diventa stabile componenete, ma ha suonato e registrato anche con altri nomi illustri come la Sonora Ponceña di Papo Lucca, avendo all'attivo più di 150 dischi crossando diversi generi musicali, come ad esempio in "Rei Momo" insieme con l'artefice riconosciuto della "New Wave" David Byrne (leader dei Talking Heads)... Yomo Toro che ha musicato uno dei primi film di Woody Allen "Il dittatore dello Stato libero di Bananas", si può dire, un artista con una carriera completa al massimo livello.
Detto anche *Il Jimy Hendrix della musica latina*, perché mancino come il celebre chitarrista Rock, Yomo Toro in questa bella serata ci fa capire con il suo solito e tipico virtuosismo allo strumento, che a 74 anni anni va forte come un treno così come è sempre andato, auguri Yomo, accompagnato sul palco a causa di problemi ad un ginocchio, una volta seduto, con il suo Cuatro prende una marcia che non lo ferma più nessuno, veramente bravo!!!

Yomo Toro e Frankie Morales

L'orchestra ora al completo, attacca un brano, è lui, il brano Re del genere Mambo, quel "Castellanos que bueno baila usted" che con Benny Moré tanto faceva impazzire La Habana degli anni '50, rifatto in tante versioni, che aiutò anche Oscar D'Leon a dare una spinta alla sua carriera di cantante sonero, ma allo stesso tempo che "rinfrescava" anche la tradizione cubana, divulgandola in tutta l’America Latina e nel mondo alle nuove generazioni attraverso nuovi arrangiamenti, e che in questa occasione, cambiando il coro le parole in "Yomo Toro que bueno toca usted" funge anche da brano ideale per *lanciare* Yomo Toro attraverso le sue magistrali improvvisazioni e per celebrarlo nel giorno del suo compleanno, e così è stato, un *signor* Mambo che ha scaldato e entusiasmato tutto il pubblico.

Frankie Morales e Yomo Toro

Finito il mambo, l'orchestra con quel cadenzioso tipico ritmo di Panamà, attacca subito "La murga", uno dei cavalli di battaglia di Willie Colon con  Hector Lavoe e Yomo Toro... "Vamos a bailar la Murga, la Murga de Panamà"...
Poi un tributo al Maestro Tito Puente di cui Frankie Morales ricorda di aver condiviso la scena negli ultimi anni della sua carriera di *Signore del Mambo, della Guaracha, del Bolero, del Latin Jazz*... quel Tito Puente che sosteneva che questa musica ballabile è composta da generi musicali che hanno un proprio nome, e che "Salsa" invece era solo una parola convenzionale, di facile presa, utilizzata dai discografici per *vendere i dischi*...
Quindi attaccano un arrangiamento evidentemente di Tito Puente, a mia sorpresa è una nota canzone cubana, "Donde està Miguel" che non ricordavo nel repertorio del grande Maestro dei timbales. Poi ancora un Mambo che non sono riuscito a riconoscere, che aveva pressapoco questo coro: *Oye mi mambo oye mi guaguancò, mambo duro de Nueva York, mambo en clave de guaguancò*. Frankie Morales, che la madre aveva avviato agli studi di musica in un Conservatorio e subito da ragazzino cantando con Joe Bataan e Hector Lavoe, della *scuola* del Barrio, ma allo stesso tempo cultore del Mambo, quello del Palladium, che aveva fra i principali protagonisti proprio Machito e Tito Puente, e di entrambi nella sua carriera è stato cantante, un sonero capace nel pregon, di ottima scuola anche nel tenere il palco, a un certo punto ha anche ballato con la sua futura moglie nel tipico stile di cui è capace il vero *salsero*, cioé con sabor e senza tanti fronzoli come aimé si vedono a volte da queste parti in Italia, dimostrando di saperlo condividere con Yomo Toro, dandogli massima luce, così come fa un vero artista che sa essere non solo galantuomo, ma anche rispettoso della grande personalità musicale che aveva di fianco. Yomo Toro è un musicista virtuoso dalla carriera formidabile, direi il maggior responsabile nel far conoscere al mondo dell'esistenza del Cuatro, strumento che grazie a lui è entrato anche dentro la "Salsa", il messaggero nel mondo della tradizione della musica di Portorico, per di più per la prima volta in Italia e celebrando anche il suo compleanno...

Frankie Morales Orchestra Mambo e Yomo Toro

L’orchestra e in prima linea Frankie Morales aveva già conquistato il pubblico, il cantante chiede alla platea se gli piace il Bolero, se ha voglia di ascoltarne uno... la risposta è come da copione in coro e scontata, siiii... e inizia un medley di autoria Puente e Colon. Sulle note *profonde* dell’armonia del Bolero, mi ritornavano nella testa quelle parole d’insegnamento (accompagnate all’epoca da dimostrazioni pratiche di possibili sviluppi d’armonia di un Bolero) quando Yomo Toro con il Cuatro e io al Piano 20 anni prima durante le prove, una volta mi disse: "Paolo, il Bolero è armonia, se impari bene a suonare con il piano il Bolero, dopo la "Salsa" te la mangi in un boccone"... il Bolero un genere veramente impegnativo per un pianista a suonarlo bene...
Yomo ToroDopo il medley di Bolero l’orchestra riprende *la mossa* con il brano "Yambere", un bel mambo, a cui segue un brano
dal vecchio disco di Frankie Morales "Mambo of the times" e siamo nel bis, dove nella parte finale la scena viene lasciata proprio a Yomo Toro che fa una lunga *piece*  esaltando non solo le peculiari sonorità di questo tipico strumento a corde della musica tradizionale di Portorico che è il Cuatro, ma anche le sue capacità di mantenere nel tempo quella sua peculiare abilità nel suonarlo racchiusa tutta nella profonda conoscenza dei vari generi della tradizione Borica insieme alla particolare destrezza e velocità delle sue dita, che scorrendo sulla tastiera dello strumento senza alcun minimo affanno, ne fanno uscire dalla cassa armonica, quelle note d’armonia *gorda* e con tutta la dulzura di cui può essere capace un vero e riconosciuto Maestro che tanto ha contribuito a far conoscere al mondo la tradizione della musica di Portorico, e proprio attraverso la "Salsa". Nella sua improvvisazione con il Cuatro, il Maestro Yomo Toro ci fa capire anche di conoscere diverse tradizioni musicali, ricollegandosi in un simpatico poupurrì, anche a melodie della tradizione popolare napoletana e dell’Italia meridionale.
Una bella serata di quelle non comuni, il pubblico vario e caloroso, tanti latini di diverse provenienze, mi è parso di non vedere tanti appassionati del ballo in linea e di *Salsa made in New York* che pure ci sono nelle discoteche latine in Italia e a Milano... che dire? grazie al Latinoamericando per l'offerta di quest'occasione più unica che rara di poter  permettere in Italia di vedere all'opera un'ottima Orchestra Mambo con un cantante di tutto rispetto, Frankie Morales "El Nene", accompagnare quel gran artista che è Yomo Toro.
Cultura con Sabrosura.
Milano 26/7/07

Pachanga, Frankie Morales "El Nene", Yomo Toro
visualizza un filmato del concerto Recension en Español Articulo en Español
home contatti e serate classifica links pachanga dj bio interviste libri


Descarga Cubana
El Son es lo mas sublime para el alma divertir...